Albino Ferrari, Alpi segrete

Alpi segrete di Marco Albino Ferrari

A questo punto, tutti noi uomini contemporanei ci sentiremo più tristi se Dino sparisse, anche se non l’abbiamo mai visto, e sappiamo che non lo incontreremo mai. Il solo fatto di sapere che l’orso vaghi libero per le montagne ci dà la rassicurante sensazione che la natura viva ancora. Ci sgrava da un senso di colpa.

Marco Albino Ferrari, Alpi segrete, Laterza, 2011

Alpi segrete di Marco Albino Ferrari
Cosa sono oggi le Alpi italiane? Sono nell’immaginario collettivo posti dove si va in vacanza o a sciare. Sono Madonna di Campiglio e Courmayeur, Sestriere e Cortina d’Ampezzo, le immagini da cartolina del Gran Paradiso, i negozi alla moda, le ski area e i ristoranti di cucina tipica. Ma questi luoghi – che si raccontano e si costruiscono come prodotti a uso e consumo dell’industria del turismo, che ci restituiscono un’idea addomesticata, mondana e rassicurante della montagna italiana – non sono che piccole e circoscritte isole nella geografia alpina.

Tutto il resto – le vette meno note, le foreste, le valli dimenticate e spopolate dalle migrazioni e dall’abbandono delle attività tradizionali – Marco Albino Ferrari ce lo racconta in Alpi segrete, suggerendo itinerari che attraversano luoghi vicini e lontanissimi. In Valle Maira, dove qualche anno fa fu girato Il Vento fa il suo giro. E poi in Val di Mello, sul Pizzo Badile, nella Valle dei Mocheni, sulle Dolomiti Bellunesi e sulle Alpi Giulie.

Sulla strada incontriamo storie e personaggi sconosciuti ai più e che ci raccontano del rapporto tra uomini e montagna su cui si è modellata nei secoli la geografia delle Alpi. E’ un rapporto che che oggi è in crisi, per la difficoltà di trovare una terza via, alternativa sia all’industria del turismo che allo spopolamento.

Riviviamo le imprese di alpinisti d’altri tempi come Riccardo Cassin e Julius Kugy. E le imprese non meno eroiche di Dino, l’orso che tra la primavera e l’autunno del 2009 parte dalla Slovenia, compie un cammino solitario di oltre trecento chilometri attraversando passi dolomitici, foreste, villaggi, città, autostrade, sbrana pecore, suscita dibattiti nazionali ed editoriali sui quotidiani, arriva alle porte della Pianura Padana per poi ritornare sui suoi passi, compiere il cammino in senso inverso e finire ucciso da chi pensava di averlo protetto.

Alpi segrete di Marco Albino Ferrari è un libro consigliato agli appassionati di montagna ma anche a chi ha voglia di riscoprire, anche in Italia, itinerari di viaggio poco battuti.

Un pensiero riguardo “Albino Ferrari, Alpi segrete”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *